Cielo indiviso
Mostra fotografica
di Paolo Maggiani


21 febbraio - 8 marzo 2009
Sala Espositiva APT, Lungomare Vespucci 24, Marina di Massa (MS)

Mostra fotografica con fotografie di Paolo Maggiani e poesie di Roberto Maggiani tratte dal libro "Cielo indiviso", Manni Editori (2008).

Con il patrocinio di:

In collaborazione ed a sostegno di:


In collaborazione ed a sostegno di:


Quotidiano La Nazione del 21 febbraio 2009: Foto e poesia con i Maggiani

Il notiziario (TRG) di TELERIVIERA del 21 febbraio 2009:


Clicca sul pulsante Play per avviare il video con il notiziario (10,6 MB)
(intervista a Maddalena Benfatto con immagini della mostra fotografica)



MARINA DI MASSA INAUGURATA MOSTRA FOTOGRAFICA
[21/02/2009]

Si chiamo Cielo Indiviso la nuova mostra dell’artista apuano Paolo Maggiani: un omaggio in suggestivi scatti alla nostra terra, reso ancora più efficace dalle struggenti poesie del fratello Roberto, noto scrittore. Questo pomeriggio nei locali dell’Apt di Marina di Massa si è svolta l’inaugurazione: partner della kermesse sono, oltre all’azienda ospitante, Italia Nostra, sez. Apuo Lunense, e l’ass. utenti e familiari ex alcolisti in trattamento In/Dipendenza.

La fotografia nella poesia

Paolo Maggiani torna, con nuove ed entusiasmanti fotografie, con la poesia della sua fotografia, alla ricerca della fotografia nella poesia, ispirandosi ai testi del nuovo libro di Roberto Maggiani.

"Osservando le fotografie di Paolo Maggiani ho una duplice, forte sensazione, sono antiche e moderne.
Antiche nel senso che riproducono situazioni di sempre, spettacoli che la natura ci offre instancabilmente e da sempre sono fonte di ispirazione per le più diverse forme d'arte.

Eppure sono anche moderne, per la luce particolare che le attraversa, calda e rassicurante,una luce che sembra volerci accompagnare più in la di dove si posano i nostri occhi. Solo in apparenza sono prive di elemento umano, perché lì dentro ci siamo noi, sospesi tra gli alberi, leggeri nel cielo o accarezzati da quel mare.
Ecco, la modernità ci ha dato strumenti utili per ottenere tutto questo, ma solo una sensibilità antica poteva restituirci un risultato così completo.
Questo è il bello delle fotografie di Paolo, perché così siamo noi, un intreccio dei due elementi che ci accompagna per tutta la vita.
Antico e Moderno e l'uno senza l'altro non ci darebbe la giusta luce."

Marella Mancini
Redazione de “L’espresso” – Ricerca fotografica
m.mancini@espressoedit.it



Mare

S’allunga si ritira
S’allunga si ritira
S’allunga si ritira

S’allunga si ritira
e non smette



A Rimbaud

Io lo capisco quel silenzio del mare
e quel chiarore del cielo
che parte da me
e non dal mare e non dal sole
ed è l’eternità.
C’est la mer allée avec le soleil.



Aria

Un richiamo in superficie
sotto il cielo dove risiede il mare –
fluido e oscillante.



Timore

Su onde lucenti
leggero e turbolento
s’adagia il cielo.

Fino agli dèi non ci arrivo –
m’intimorisce l’oro del mare

la lunghezza delle onde
che ha la misura dell’orizzonte

la profondità
che non ha il conforto della risacca.

Paolo Maggiani è fotografo carrarese stimato e apprezzato per la sua fotografia attenta all’analisi dei particolari che sfuggono all’occhio, attraverso personali inquadrature e prospettive che risaltano le forme, i colori e i loro contrasti e/o armonie. Egli è attento alle vicende umane che da sempre accompagnano gli uomini apuani in stretta simbiosi con il paesaggio dintorno e le caratteristiche cave di marmo. Con la sua paziente presenza riesce a cogliere le sfumature degli scenari naturali e urbani e il loro rapido modificarsi causato dall’evolversi della luce nel ciclo diurno e stagionale. Nulla sfugge al fotografo che riesce a impressionare sulla pellicola complicati bilanci di colore nel tramonto o nell’alba, nel passaggio dal regno del sole a quello della luna o viceversa. V’è nelle sue fotografie un qualcosa di primordiale e di essenziale che rivela delle cose il loro essere più profondo, conferendogli come una vita propria e un valore inestimabile; dalle sue visioni prospettiche viene messa in risalto la relazione che le lega, facendo apparire in un tutt’uno armonioso il mondo che siamo soliti vedere come disarticolato, integrando tra loro lavoro umano e natura. Il suo sito personale è www.paolomaggiani.it.

Roberto Maggiani è scrittore carrarese, da anni si occupa di poesia ed è conosciuto e apprezzato per le sue parole che sono come pietre posate a segnare un cammino, sono solide, inequivocabili, prive di orpelli; possono sembrare scarne, asciutte, ma formano un disegno grandioso, a volte toccate dalla Fede fanno scaturire una sorgente limpidissima, di acqua pura, come lo sguardo di un bimbo. Egli tocca il sublime quando esplora il cuore dell'Umanità, con le sue paure e le sue aspirazioni a raggiungere il divino; divino che nei suoi versi partecipa ad ogni nostro atto conferendogli il sapore dell'eternità.
Le sue raccolte sono di una bellezza quasi desueta, nel suo non voler sottostare a mode o vezzi, ma di una attualità forte, sconcertante.
Egli è autore di libri di poesia e redattore del sito di poesia, narrativa e recensioni www.larecherche.it . Con le Edizioni Gazebo di Firenze ha pubblicato "Sì dopo sì" (1998) e "Forme e informe" (2000); con l'Editore Fermenti di Roma ha pubblicato "L'indicibile" (2006), giunto a ristampa; con Manni Editori ha appena pubblicato "Cielo indiviso"(2008). Suoi testi poetici sono pubblicati su riviste e antologie.
Laureato in fisica ha inoltre pubblicato innumerevoli articoli di divulgazione scientifica, in Italia e all'estero. Collabora con la rivista Città nuova.
[ « torna indietro ]
© 2008-2015 - realizzato da Roberto Maggiani :: Cookie Policy